Il libro Professione Cantante, scritto da Andrea Mingardi con contributi di Mina, Francesco Guccini, Luca Carboni, Renzo Arbore, Orietta Berti, Gianni Morandi, Nomadi

Definirla una biografia, forse può’ risultare riduttivo: Francesco Guccini si presta a narrare i suoi inizi nelle balere, ma questo libro edito da Edizioni Pendragon sicuramente riesce a soddisfare i curiosi di ogni epoca, oltre i fans! Lo trovate nelle migliori librerie a cominciare da Giovedì 4 Ottobre oppure provate a contattare la casa editrice di Bologna per ulteriori informazioni, magari per ordinarlo direttamente da loro ..

L’avevamo lasciato qualche mese fa in piena promozione del suo recente disco Ho visto cose che.., titolo che noi istintivamente completavamo con le battute cinematografiche .. voi umani non potete nemmeno immaginarvi! Prefazioni, aneddoti e contributi di Mina, Francesco Guccini, Luca Carboni, Renzo Arbore, Orietta Berti, Pippo Baudo e tanti altri..

Andrea Mingardi torna alla parola scritta e lo fa non con una fiction ma per raccontare la sua realtà quotidiana, quella di chi svolge cioè la professione di cantante. Una biografia, ma anche qualcosa di più: un viaggio, narrato nello stile schietto e divertente che caratterizza l’artista, attraverso i tanti anni trascorsi tra sale di registrazione e palchi, raccontandone le gioie, le frustrazioni, i mutamenti mal digeriti, gli amici, e la musica, unica e indiscussa protagonista di queste pagine. Perché la professione cantante è dura, le soddisfazioni arrivano solo dopo tante porte in faccia, e se si intraprende questo percorso lo si fa solo per una ragione: perché la si ama.

Sul fronte biografico, Mingardi nasce a Bologna il 1 Agosto del 1940 ed il suo amore per la musica nasce in tenera età, quando guida i Golden Rock Boys: oltre a lui (che canta e suona la batteria), ci sono il bassista Beppe Federici, il pianista Antonio Corsello ed il sassofonista Paolo Guarnera, che presto lascia il gruppo per entrare nei Gatti (dove suonano Francesco Guccini e Victor Sogliani). Basterebbe solo questo aneddoto per invogliarci nella lettura di questo libro.

In Professione Cantante non c’è solo la voce di Mingardi. Tanti artisti hanno collaborato a queste pagine attraverso un aneddoto o un contributo. Prima fra tutti lei, la Voce: Mina. La Tigre di Cremona racconta qui i suoi primi passi nel mondo della musica, le perplessità dei genitori e la passione per Puccini della nonna. C’è Francesco Guccini a narrare i suoi inizi nelle balere, poi Gianni Morandi, Gino Paoli, Luca Barbarossa, I Nomadi, Gaetano Curreri, Luca Carboni e molti altri. Perché spesso gli inizi possono essere buffi o disastrosi, come ci raccontano molti di questi cantanti, ma poi si cresce, ci si fortifica e, soprattutto, prende forma la propria identità artistica. La professione cantante è fatta di tutte queste gioie e di tutti questi dolori.

Così scrive Andrea Mingardi nella quarta di copertina del libro:
Per raccontare i risvolti, i retroscena, il gran numero di sfumature ignote e le trappole note di un mestiere così ambito e invidiato come quello del cantante necessiterebbero parecchi libri, magari scritti da autori come Arthur Miller, Charles Bukowski, Ennio Flaiano, Francis Scott Fitzgerald, Jean-Paul Sartre, Ernest Hemingway, in grado di raccontare mondi popolati da belle donne, alcol, fumo e da quell’esistenzialismo pessimista che rende misteriosamente affascinante ogni parola. Da speciali punti di vista questi maestri della letteratura avrebbero potuto raccontare le miserie e le nobiltà di un incredibile pianeta abitato da alieni come Enrico Caruso, Frank Sinatra, Aretha Franklin, Maria Callas, Luciano Pavarotti, Ray Charles e cento altri fenomeni del canto che hanno indelebilmente segnato il genere umano. Ma commetteremmo un errore se trascurassimo il sottobosco della musica del popolo, le antiche radici del canto della provincia e le ingenue mosse di generazioni dedite al culto del sudore ballereccio di moda. In questa mia fugace inquadratura, le mille storie, gli aneddoti, i tic, i sogni, le speranze e le tenere miserie dei milioni musicisti che aspirano a rilasciare autografi sono appena accennate. In fondo, i protagonisti siamo tutti noi, anime in competizione, sparpagliate sui palchi della vita, abitanti di una nazione nota per il bel canto e per essere una eterna fabbrica delle illusioni..

 

Fonte: Musicalnews.com

About Sara Benvenuti

Giovane cameraman e assistente alla regia

Check Also

MTV European Music Awards 2018: il trionfo di un grande trio tutto donne

All’edizione del 2018 dei MTV European Music Awards con presenti in gara sia uomini che donne, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS