Jefferson Airplane, morto il fondatore Marty Balin. Ma la sua rivoluzione vive ancora

Addio a Marty Balin, uno dei fondatori dei Jefferson Airplane, cantante e chitarrista della band di Somebody to Love è venuto a mancare giovedì 27 settembre all’età 76 anni. La notizia ha iniziato a circolare da poche ore, le cause della morte non ancora note.

Nato a Cincinnati, in Ohio, nel 1942, Marty Balin fece il suo esordio discografico all’inizio degli anni ’60, come solista, pubblicando per la Challenge Records un paio di singoli.

Nel 1965 avvenne l’incontro a San Francisco con Paul Kanter, Jorma Kaukonen, Signe Toly Anderson, Bob Harvey, Jerry Peloquin, Skip Spence e Jack Casady che portò alla nascita dei Jefferson Airplane, una band destinata a scrivere pagine importanti della storia della musica rock.

Balin fu anche tra i musicisti che nel 1978, in seguito all’abbandono dei Jefferson Airplane da parte del bassista Jack Casady e e del chitarrista Jorma Kaukonen, diedero vita ai Jefferson Starship.

“Abbiamo perso una vera leggenda. Marty Balin ha contribuito all’inizio della rivoluzione che continua a vivere oggi” così ha commentato Grace Silck, la mitica voce dei Jefferson.

L’album dei Jefferson Airplane del 1967 Surrealistic Pillow, con all’interno brani come White Rabbit scritta e cantata da Grace, e Somebody to Love, è stato una vera pietra miliare della storia del rock. 

Fonte: RockOl

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

MTV European Music Awards 2018: il trionfo di un grande trio tutto donne

All’edizione del 2018 dei MTV European Music Awards con presenti in gara sia uomini che donne, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS