Israele si dichiara per legge lo stato nazione del popolo ebraico

La Knesset, il parlamento israeliano ha approvato una legge che mette fine a Israele come stato “ebraico democratico” per giungere a una definizione dello stato più sincera, quella di stato nazione del popolo ebraico.  Con 62 deputati a favore e 55 contrari, tra cui i rappresentanti dei partiti arabi, il provvedimento ha ottenuto la maggioranza.

Alcuni avevano messo in guardia sulle conseguenze internazionali dell’esecutivo, ma la realtà si è ormai trasformata in legge. Il presidente della repubblica Reuven Rivlin, insieme al procuratore generale di stato erano stati gli unici a protestare insieme ai progressisti.

Oggi mi vergogno di essere israeliano scrive sul quotidiano Haaretz Daniel Borenboim, uno dei direttore d’orchestra più talentuosi, il primo uomo ad avere entrambi i passaporti sia di Israele che Palestina, fondatore della West Eastern Divan Orchestra nata per far suonare giovani musicisti professionisti provenienti da Israele, Egitto, Giordania, Siria, Libano, Palestina. “Gli arabi in Israele diventano cittadini di seconda classe. Questa è una chiara forma di apartheid” ha detto il musicista.

Soddisfatto il premier Benyamin Netanyahu che ha parlato di “rispetto di tutti i cittadini”, mentre Ayman Odeh, leader dei partiti arabi, ritiene che la norma dimostra che Israele “non ci vuole qui”.

Una legge che non cambia nulla del sentimento che già c’era anche quando Israele si dichiarava ebraico-democratico: l’approvazione non fa altro che renderlo esecutivo, trasformando gli anni precedenti in una lunga ipocrisia.

Il partito arabo stesso non ha mai avuto alcuna influenza, gli arabi erano già tagliati fuori da ospedali, università o abitazioni ebraiche.

Israele è solo per gli ebrei, lo è sempre stato, ma ora lo è anche sulla carta.

Fonte: ilmessaggero/ internazionale 

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Si risveglia dopo 12 anni di coma. Vicino a se trova la madre ormai settantacinquenne

È finito in coma a trentasei anni in seguito a un grave incidente automobilistico ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS