La vicenda Aquarius 2 ha messo d’accordo Portogallo, Francia e Spagna

10 dei migranti a bordo della Aquarius 2 sbarcheranno a Lisbona, come hanno riportato i media francesi, dopo gli accordi presi per la ripartizione dei 58 passeggeri con Parigi e Madrid.

La soluzione arriva dopo che la Ong Sos Medititerranée aveva ricevuto lo stop da parte della Francia di sbarcare a Marsiglia. Non è ancora precisato il porto in cui i migranti saranno sbarcati.

Il dietrofront francese, arrivato dal ministro dell’Economia Bruno Le Maire, era in netto contrasto con le posizioni espresse da Emmanuel Macron, che aveva definito le azioni del ministro dell’Interno Matteo Salvini come  ciniche e irresponsabili.

L’alt francese è arrivato però chiedendo delle regole comuni per affrontare la sfida immigrazione, chiedendo la collaborazione degli stati membri dell’Unione Europea.

Oggi l’Europa ha dimostrato di essere più solidale di quanto è mai stata in precedenza.

Intanto Medici Senza Frontiere lancia l’allarme maltempo mentre si dirige verso Malta, le onde potrebbero arrivare ad oltre 5 metri e mettere a rischio la vita dell’equipaggio.

“La scelta è indifferente – dice Alessandro Porro, operatore di Sos Mediterranee a bordo della nave – abbiamo la necessità di sbarcare le persone in un porto che sia sicuro e questo naturalmente esclude la Libia. Stiamo navigando verso Malta perché le condizioni meteo stanno peggiorando, ci aspettiamo onde alte cinque metri e stiamo cercando riparo in una zona migliore”.

Fonte: larepubblica

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Berlusconi alla Lega: “Tradisce gli elettori, metta fine all’innaturale alleanza con il M5S”

Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi ha parlato in occasione della presentazione del libro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS