Libera scelta sui vaccini, l’assurda proposta del M5s

Nella Regione Lazio è stata presentata una revisione del sistema vaccinale firmata dai consiglieri del Movimento Cinque Stelle tra gli altri anche Davide Barillari e Roberta Lombardi, scritta insieme alle associazioni dei genitori no vax che chiedono libertà di scelta sui vaccini.

La proposta è fin troppo orientata verso la scelta free vax: niente obblighi, vaccinazioni personalizzate e addirittura periodi di quarantena di 4-6 settimane per i bambini che si sono sottoposti alla vaccinazione per evitare contagi.

La riforma (test disponibile a questo link) verrà inserita nella piattaforma Rousseau, aperta a pareri e per coinvolgere pienamente i cittadini nelle scelte della politica, come suggerisce Barillari sulla sua pagina facebook.

Il progetto promuove la democratizzazione della medicina e la libertà di scelta terapeutica. L’iter di applicazione vaccinale è articolato e prevede una dettagliata anamnesi dei genitori, dei parenti prossimi e del bambino stesso, in una analisi psico-socio-antropologica nel superamento di una pratica vaccinale coercitiva.

Il documento è nato da un “tavolo di lavoro” con associazioni come Gnol, Auret, Assis, Comilva, Codacons, Corvelva, Sipnei, RIP Lazio, Lov, Moige. Ma, come ricorda il Quotidiano Sanità, Auret sostiene la correlazione tra vaccino e autismo.

Dalla cassazione arriva intanto il no del nesso tra vaccino e autismo contestato da un genitore, I giudici, hanno evidenziato come le cause dell’autismo siano ancora oggetto di studi e ricerche, e che non vi siano dunque certezze in questo campo, mentre Grillo ricorda come il tema vaccini sia sempre stato nel programma di Governo.

Fonte: TPI, Quotidianosanità

 

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Di Maio: “Siamo sotto attacco, dobbiamo rimanere compatti”

Luigi Di Maio, tramite “Il Blog delle Stelle“, lancia un appello: “Come avete visto in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS