Libia: Guardia Costiera lascia morire una donna e un bambino

Uno dei tanti gommoni con 160 immigrati a bordo è stato recuperato dalla Guardia Costiera di Tripoli dopo la segnalazione arrivatagli. Le persone a bordo del gommone hanno ricevuto aiuti umanitari, ha confermato l’ong, ma non è stato detto che a Guardia Costiera libica ha lasciato sul gommone due donne e un bambino che si rifiutavano di salire a bordo della barca, così affondarono il gommoncino lasciandoli a morire in mezzo al mare.

Le foto fatte dalla ong, la quale andó ad aiutare le tre persone rimaste a mollo in mare, trovarono una delle donne con il bambino privi di vita appoggiati al gommoncino quasi senza aria al suo interno, mentre l’altra donna  è stata salvata in tempo. Le foto fatte dalla Ong ai due corpi senza vita, sono veramente shoccanti.

Matteo Salvini ha pubblicato su Twitter l’impressionante foto della donna con il bambino scrivendo un commento di protesta per i Libici: ”questo è quello che chiama, la Guardia Costiera Libica, un gesto umanitario? I tuoi amici dell’ong hanno salvato l’unica superstite mentre voi avete ucciso una donna è un bambino. Almeno abbiate la decenza di aprire i ponti e chiudere la bocca”. Queste le parole di sfogo del Ministro dell’interno Salvini sotto la foto dei due immigrati.

Matteo Salvini, nonostante le risposte di protesta le bugie e gli insulti da parte dell’Open Arms Libica, lui non si fa sottomettere e tiene duro. Replica su Facebook dicendo che sfida chiunque a trovare un tweet nel quale dice che rifiuta di soccorrere un essere umano. “Il mio obbiettivo è quello di salvare tutti, curate tutti, nutrire tutti”.

Fonte Ansa.it

About Sara Benvenuti

Giovane cameraman e assistente alla regia

Check Also

Genitori chiamano il figlio Adolf Hitler: Condannati

La Birmingham Crown Court, nella regione inglese delle Midlands, ha condannato 3 militanti britannici di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS