Litigio tra Salvini e il Ministro del Lussemburgo Asselborn. Il video

“In Lussemburgo, caro signore, avevamo migliaia di italiani che sono venuti a lavorare da noi, dei migranti, affinché voi in Italia poteste avere i soldi per i vostri figli“.

Replica così il Ministro lussemburghese Asselborn alle parole di Salvini, prima di chiudere con un’espressione colorita: “Merde, alors”.

È accaduto al vertice di Vienna durante l’intervento del vicepremier leghista. Alla frase pronunciata da Salvini “non abbiamo l’esigenza di avere nuovi schiavi per soppiantare i figli che non facciamo più”, il collega lussemburghese ha sbottato per poi commentare con l’imprecazione “merde alors”, una sorta di “diamine”.

I toni sono stati accesi, ma il tema migranti risulta ormai scottante.  “Sentivo qualche collega prima di me dire che abbiamo bisogno di immigrazione perché la popolazione europea invecchia, io ho una prospettiva completamente diversa – afferma Salvini – Io penso di essere al governo e di essere pagato dai miei cittadini per vedere i giovani tornare a fare quei figli che facevano qualche anno fa, e non per espiantare il meglio dei giovani africani e rimpiazzare europei che per motivi economici non fanno più figli. Sono due visioni completamente diverse. Magari in Lussemburgo hanno questa esigenza, in Italia abbiamo l’esigenza di fare figli non di avere nuovi schiavi per soppiantare i figli che non facciamo più”.

Parole, quelle del ministro italiano, che mandano su tutte le furie Asselborn, che impugna il microfono facendo il verso a Salvini: “Bla, bla, bla…”.

Fonte: skytg24

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

Conte: “Nessun taglio a Quota 100 e reddito di cittadinanza”

Il premier Giuseppe Conte, in missione istituzionale ad Hanoi, in Vietnam, ha rilasciato alcune dichiarazioni. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS