Dati allarmanti dalla Fondazione Barilla : il 13 % della popolazione è obesa

Nel mondo oltre 650 milioni di ‘over 18’, pari al 13% della popolazione del Pianeta, sono obesi. Si stima che ogni 2 persone obese o sovrappeso ve ne sia una che soffre di malnutrizione). In Italia il dato scende a poco più del 10% della popolazione over 18.

Ogni organismo vivente necessita di energia per mantenere e sviluppare le proprie reazioni e funzioni vitali. Questa energia è fornita principalmente dall’alimentazione cioè assunzione, ingestione e digestione di sostanze nutrienti.

L’obesità rappresenta uno dei fattori di rischio per l’insorgenza di alcune malattie non trasmissibili (come per esempio malattie cardiovascolari, problemi respiratori, diabete) che, solo in Italia, sono responsabili del 91% dei decessi.

E’ quanto emerge dai dati analizzati dalla Fondazione Barilla per la Giornata mondiale della salute del 7 aprile. L’obesità si stima impatti sul sistema economico mondiale per 2 trilioni di dollari (2,8% del PIL mondiale). In Italia solo per le patologie cardiovascolari i costi stimati ammontano a oltre 15 miliardi di euro e per la cura del cancro a poco meno di 7 miliardi.

Da sempre il consumo di alimenti ha presentato un potenziale rischio per la salute dei consumatori.Lo sviluppo delle tecnologie alimentari e gli allevamenti intensivi,se da un lato, hanno incrementato la disponibilità di alimenti,dall’altro hanno generato nuovi scenari e nuove problematiche.

Fonte: Ansa.it 

 

 

 

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureata magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Ritenzione idrica: buoni consigli per prevenirla e curarla

E’ la nemica numero uno della prova costume, è spesso legata alla presenza di cellulite e contribuisce a far …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS