Giornata Mondiale sulla consapevolezza dell’Autismo. Il Mondo si tinge di blu

In occasione della Giornata dedicata all’autismo, il mondo si tinge di blu.

L’autismo viene considerata la malattia del secolo. Il primo che parla di autismo è Kanner,psichiatra austriaco, il quale lo  definisce come un disturbo caratterizzato da una mancanza profonda di attaccamento sociale fin dalla nascita o da poco dopo; oggi il DSM V -Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali – afferma che l’autismo è un ” Deficit persistente nella comunicazione sociale e nell´interazione sociale in diversi contesti, non spiegabile attraverso un ritardo generalizzato dello sviluppo manifestando dei deficit nell’area socio-emotiva e nell’area di mantenimento dei rapporti comunicativi”

Lo “Spectrum Autistic Disorder” è una sindrome ( insieme di sintomi) che può essere provocata di diverse affezioni cerebrali che possono incorrere in epoca precoce: durante la gravidanza, al momento del parto o entro i primi 3 anni di vita. Queste affezioni compromettono il normale funzionamento e sviluppo del Sistema nervoso centrale.

In italia sono circa 100mile i bambini e gli adolescenti che soffrono di autismo: ne soffre 1 bambino su 100 e i maschi sono colpiti quattro volte di più rispetto alle femmine,senza differenza di origine etnica e condizione sociale.

Tanti i problemi per le persone autistiche, inclusi quelli di tipo economico, come sottolinea l’Istituto Serafico di Assisi, in prima linea nella promozione di progetti di assistenza e inclusione: “Gli elevati costi delle terapie – avverte l’Istituto – mettono letteralmente in ginocchio le famiglie. Si stima che per assistere i propri bimbi, spendano in media tra i 1000 e i 2000 euro al mese, per tutta la vita. Purtroppo non tutte le Aziende Sanitarie offrono sostegno e anche quando il servizio è previsto, le liste d’attesa lunghissime non consentono di intervenire precocemente”.

Ed un richiamo arriva dagli specialisti della Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Sinpia), che sottolineano la necessità di maggiori investimenti per i disturbi neuropsichiatrici dell’età evolutiva.

Fonte: Ansa.it 

About Veronica Pozzi

Collaboratrice La242

Check Also

Quadruplicati gli ultracentenari rispetto al 2000

Nel 2019 il numero degli ultracentenari in tutto il mondo ha raggiunto una cifra record: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
RSS