La Dipendenza da Videogiochi riconosciuta come malattia dall’OMS

L’identità dell’uomo di oggi è incentrata sull’uso del web: Internet ,mail,contatti,social network,chat giochi e molto altro ancora.

In occasione della 72esima edizione della World Health Assembly, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ufficialmente catalogato la dipendenza da videogiochi come una malattia riconosciuta, delineandone le caratteristiche.
La decisione dell’ente è stata presa dopo una votazione che ha coinvolto 194 esperti, ciascuno specializzato in un campo differente, che hanno valutato il caso dopo la revisione di numerose prove a supporto del disturbo

I sintomi di questa dipendenza delineati dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità sono:

-Difficoltà a controllare l’attività di gioco (frequenza, intensità, durata, contesto);
– Maggiore priorità data al gioco nella misura in cui il gioco ha la precedenza su altri interessi di vita e attività quotidiane;
– Continuazione dell’attività video-ludica nonostante il verificarsi di conseguenze negative. Il modello comportamentale è di gravità sufficiente a determinare una compromissione significativa in aree personali, familiari, sociali, educative, professionali o di altro tipo.

Le possibili realtà aperte da internet, dal momento che investono molte sfere dell’attività umana, stanno mutando velocemente le nostre consuetudini e le modalità di comprendere i processi di comunicazione, immettendo nuovi modelli esperienziali e cognitivi in ogni ambito relazionale.

Fonte: Tgcom24.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureata magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Oggi è la Giornata Mondiale senza tabacco. I rischi legati al fumo

Fumo e giovani: un binomio sempre più preoccupante. E l’allarme non è ingiustificato: secondo l’Istituto Superiore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS