Xyella: non esiste ancora una cura. Tutta l’Europa è rischio

Secondo l’Autorità europea per la sicurezza alimentare non esiste ancora una cura in grado di eliminare la Xylella. Le analisi confermano che alcuni trattamenti sperimentati in questi anni possono solo ridurre i sintomi. L’Efsa aggiunge che a rischio non sono solo i Paesi del Mediterraneo, ma tutti gli Stati Ue. L’applicazione delle misure di controllo come l’eradicazione dell’albero infetto resta quindi l’unico modo per fermare il batterio.

Nel 2015 il batterio è stato identificato in Francia, in Corsica e nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Nel 2016 è stata la volta delle Baleari, con infezione di ulivi, viti e mandorli, e di una serra in Germania.

Le piante nel focolaio tedesco sono state distrutte e il batterio eliminato, operazione resa più semplice dal fatto che si trattava di un vivaio e non di una vasta area, come accade in Puglia o nella Spagna sud-orientale, dove nel 2017 il batterio viene trovato sui mandorli nella provincia di Alicante, con l’area dell’epidemia che oggi supera i 134mila ettari.

Fonte: Ansa.it / Tgcom24.it 

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureata magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

La noia è l’alleato principale dell’uso compulsivo dello smartphone

La noia è uno stato d’animo che prova un individuo che tendenzialmente vorrebbe essere attivo, ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS