Cannabinoidi derivati dal lievito di birra.La ricerca dell’Università della California

Ottenuti i primi cannabinoidi low-cost: le cellule del lievito di birra sono state trasformate in fabbriche in grado di produrre i componenti fondamentali della marjuana, accanto ad altri che non sono presenti nelle piante. Il risultato, basato sulle tecniche dell biologia sintetica, è stato possibile inserendo nel Dna del lievito i geni della Cannabis e di batteri. Pubblicata sulla rivista Nature, la ricerca si deve al gruppo di Jay Keasling, dell’università della California a Berkeley.

“I composti ottenuti, come il CBD e il THC, sono di alta qualità e hanno un costo basso”, ha rilevato Keasling. “È un modo più sicuro e più rispettoso dell’ambiente – ha aggiunto -per produrre cannabinoidi”.

Questi ultimi sono ormai utilizzati a livello terapeutico in molti Paesi ,compresa l’Italia, ma ottenerli in modo naturale è complesso e costoso perché questi composti vengono prodotti dalla pianta in piccole quantità e difficili da estrarre.

La coltivazione in campo aperto richiede inoltre grandi quantità di acqua e fertilizzanti e quella in serra è molto costosa perché richiede molta energia per luce e ventilazione.

Fonte: Ansa.it 

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

La Nasa vuole tornare sulla Luna, pronti nuovi esperimenti

La Nasa vuole tornare sulla Luna. 50 anni dopo che il primo uomo è sceso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS