Come proteggere la nostra pelle del viso dall’inquinamento? Alcuni consigli pratici

La pelle del viso e i capelli sono le parti del nostro corpo che maggiormente risentono dell’inquinamento e dello smog, che sempre di più caratterizzano le città in cui viviamo.

Smog e inquinamento, infatti, rendono la pelle secca, spenta e opaca, portando quindi ad un invecchiamento precoce dei tessuti e all’insorgere prematuro di rughe sul viso; anche i capelli vengono danneggiati dagli agenti inquinanti, in quanto tendono a divenire spenti e fragili, perciò si spezzano e si sfibrano facilmente.

Ecco alcuni consigli:

  1. la pulizia è assolutamente fondamentale per contrastare i danni da inquinamento. Alla sera, prima di coricarci, ricordiamo di detergere la pelle in profondità, per eliminare tutte quelle micro particelle che si sono depositate durante la giornata sul film idrolipidico dell’epidermide.
  2. per sostenere il tessuto epidermico, restituire luminosità ed elasticità alla pelle e per rigenerarla dagli strati più profondi, occorre stimolare la produzione di collagene con una alimentazione adeguata, ricca di antiossidanti, acidi grassi, omega 3 e sali minerali. E’ consigliato comunque aumentare l’apporto di collagene con integratori alimentari
  3. per una pelle ben nutrita e in salute lo stile di vita è fondamentale: alimentazione sana, attività fisica e un buon sonno ristoratore sono essenziali per la nostra bellezza.

Fonte: Tgcom24.it / IlGiornale.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Cannabinoidi derivati dal lievito di birra.La ricerca dell’Università della California

Ottenuti i primi cannabinoidi low-cost: le cellule del lievito di birra sono state trasformate in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS