Giardini terapeutici per la sindrome di Down, Autismo ed Alzheimer

Prima i giardini Alzheimer, poi quelli per le sindromi di Down (trisomia) e di Asperger (autismo), infine il più recente dedicato alla depressione, l’oscuro mal di vivere del nostro tempo. Ognuno con le sue specifiche architettoniche e botaniche curate da Andrea Mati, architetto paesaggista, appartenente a una nota famiglia di florovivaisti pistoiesi.

Oltre ai progetti perfezionati nei vivai aziendali, Mati ne ha realizzati da nord a sud della penisola grazie a un interesse crescente dovuto agli evidenti benefici sui pazienti.

Angoli di natura che avvolgano di profumi e colori e regalino benessere a pazienti alle prese con malattie difficili e invadenti. Mentre l’esperimento più recente con cui Mati si sta misurando è dedicato alla depressione, al mal di vivere. Ognuna di queste ‘oasi green’ ha le sue specifiche architettoniche e botaniche.

L’architetto del verde, con i vari progetti realizzati da Nord a Sud della Penisola, ha accumulato un bagaglio di esperienze che presenterà per la prima volta alla comunità scientifica in occasione del decimo Congresso nazionale sui Centri diurni Alzheimer, in programma a Montecatini Terme (Teatro Verdi, 1-2 marzo) sotto la guida di Giulio Masotti, presidente emerito della Società italiana di geriatria e gerontologia, con un programma curato dall’Unità di ricerca in medicina dell’invecchiamento dell’università di Firenze e il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia.

Fonte: Ansa.it / notizie.tiscali.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureata magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

6 pazienti paraplegici hanno ripreso a camminare con la stimolazione wireless, speranza per Manuel Bortuzzo?

Si chiama “Stimo”, è un sistema di stimolazione wireless che ha portato sei pazienti paraplegici …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS