La ricerca dell’Università di Washington: il cervello delle donne invecchia più lentamente

Il cervello delle donne invecchia più lentamente e, a parità di età, è almeno tre anni più giovane rispetto a quello maschile. Lo indica la ricerca condotta nell’Università di Washington a St. Louis e pubblicata sulla rivista dell’Accademia nazionale delle scienze degli Stati Uniti, Pnas.

Il risultato, basato sulla scansione del cervello di 205 persone, potrebbe spiegare perché le donne tendano a essere meno vulnerabili degli uomini alle malattie neurodegenerative che insorgono con l’età.

Manu Goyal e colleghi hanno sottoposto 205 persone (121 donne e 84 uomini, di età compresa tra 20 e 82 anni) a un esame Pet seguito da calcoli di intelligenza artificiale. I ricercatori hanno indagato in particolare sul modo in cui il cervello bruciava la sua benzina: lo zucchero.

È infatti noto che, con l’avanzare dell’età, si riduce la quota di zuccheri metabolizzata a livello cerebrale attraverso un processo chiamato glicolisi aerobica. Sfruttando un algoritmo allenato a mettere in relazione l’età e il metabolismo cerebrale sulla base di dati raccolti nei maschi, gli studiosi hanno scoperto che nelle donne l’età media del cervello era di 3,8 anni inferiore rispetto a quella anagrafica.

L’esperimento è stato fatto anche sugli uomini addestrando l’algoritmo con dati femminili, e ne è emersa un’età cerebrale media di 2,4 anni maggiore rispetto a quella reale.

Fonte: Tgcom24.it / IlMessaggero.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

L’85 % degli uomini assiste e segue la propria donna con diagnosi di tumore

Mariti, conviventi, compagni, figli ma anche amici e fratelli. C’è un esercito di uomini che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS