La tua storia è al capolinea? ecco i segni da non sottovalutare

Quando una relazione arriva al capolinea, chi la vive è l’ultimo ad accorgersene. Eppure trascinare fino all’infinito qualcosa che ormai ruota intorno alla routine, senza che dietro vi sia quell’amore che prometteva all’inizio, non fa bene a nessuno dei due. Anche la più stabile delle relazioni può arrivare alla fine, e quasi mai si giunge alla decisione comune di dirsi addio: per quanto la coppia possa vivere una condizione di crisi, affermata da entrambe, è quasi sempre uno dei due a prendere la penata decisione.

Quando una storia è agli sgoccioli i partner vivono sentimenti di angoscia, malinconia, noia e frustrazione. Tutti noi ricordiamo l’inizio di una storia d’amore: le farfalle nello stomaco, il sorriso “stolto” tipico di chi è innamorato e quella sensazione di allegria ed euforia. Se la storia sta per volgere al termine non è più così. Si fa sempre più strada una sentimento di stanchezza e noia. Quando succede, questo è il campanello d’allarme.

Il primo campanello’ d’allarme è la scarsa intimità. Il calo del desiderio ci può stare, ammesso che si tratti di un periodo limitato nel tempo e che abbia cause effettive e reali ma se diventa una routine, c’è qualcosa che non va.

Assenza di entusiasmo: qualsiasi cosa viene consigliata ,da lei o lui, non va bene.Quando il desiderio di condividere un’esperienza qualsiasi è assente si tratta di un sintomo importante che non possiamo assolutamente trascurare.

Il penultimo campanello d’allarme è la mancanza di gelosia. Se prima , all’inizio della storia, si è gelosi per qualsiasi sguardo o per qualsiasi “apprezzamento” di terze persone ora non importa. L’ultimo segnale è la ” mancanza di litigio“. Se ci troviamo in una fase “zen” nella quale tutto è consentito e tutto è lecito c’è qualcosa che non va. Il confronto è il carburante  di una coppia e dove si avverte questa mancanza, la coppia rimane a “secco”.

Fonte: Tgcom24.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Esistono 6 tipi di Grasso: Ecco come riconoscerli ed eliminarli

Dimagrire in modo efficace? Il primo passo è riconoscere il tipo di grasso. Si, gli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS