Mezzo milione di italiani predisposti al Cancro: il 60% dei soggetti non lo sa

E’ di circa mezzo milione la quota degli italiani con una forte predisposizione genetica al cancro, ma il 60% ne è all’oscuro: questo  è dovuto all’insufficiente uso dei recenti test molecolari che, con costi sempre più contenuti, sarebbero capaci di agevolare  la scelta delle terapie in maniera più specifica.

Questo è quanto afferma Ruggero De Maria, presidente di Alleanza Contro il Cancro (Rete Oncologica Nazionale), nel suo intervento al convegno sul tumore metastatico della mammella organizzato da The European House Ambrosetti al Senato:”I numeri sono impressionanti. Chi possiede una forte predisposizione genetica ad ammalarsi continua a non saperlo e non intraprende appropriati programmi di prevenzione che potrebbero salvargli la vita“.

L’esperto inoltre aggiunge che senza un identikit molecolare dei tumori è molto complicato progredire anche nelle terapie. Negli Stati Uniti e in diversi Paesi europei, la decisione di procedere con la chemioterapia dopo la chirurgia viene maturata in base a test molecolari molto precisi e non con le metodologie prestabilite e consuetudinarie usate in Italia.

Il risultato è che in Italia le pazienti operate per neoplasia alla mammella corrono il rischio di eseguire la chemioterapia senza avere beneficio o, ancora peggio, possono non farla sebbene ne abbiano una reale necessità per evitare una recidiva.

Alleanza Contro il Cancro, la rete oncologica degli Irccs si riunirà al San Raffaele di Milano, dal 29 al 31 ottobre, per il terzo meeting annuale, sta operando per  colmare tali carenze.

De Maria, infine, evidenzia l’esigenza di fornire equi strumenti al Ministero della Salute per avviare programmi di ricerca sanitaria che portino velocemente alla perfezione di test molecolari ad elevata capacità analitica, a basso costo ed estesi nel territorio.

Scritto da Veronica Pozzi
Fonte Ansa.it | Tgcom24

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

La Dipendenza Affettiva. Riconoscerla è il passo fondamentale per vivere liberi

Quando si ha l’orgoglio di poter andare oltre il volere dell’altro, riuscire a farsi amare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS