Psoriasi, ideato nuovo farmaco che spegne l’infiammazione

Patologia autoimmune , La psoriasi è una malattia proliferativa dell’epidermide, geneticamente determinata, di comune riscontro, e cronica. E’ caratterizzata clinicamente da placche eritematose e squamose, che periodicamente si presentano con intervalli di remissione ed esacerbazione.

Le esacerbazioni sono correlate a fattori sistemici e ambientali. Solitamente il decorso può essere acuto o cronico e spesso imprevedibile.

Ad oggi non esiste una vera e propria cura per sconfiggere questa malattia, ma solamente terapie che consentono di tenere a bada la la patologia. Recentemente però gli studiosi sono riusciti a mettere a punto dei medicinali che sono in grado di bloccare le molecole che causano l’infiammazione, fermando di fatto la formazione delle escrescenze.

Da oggi è disponibile un nuovo farmaco che spegne l’infiammazione e aiuta a contrastare i sintomi della psoriasi. Fra questi medicinali biologici troviamo il guselkumab, un trattamento che inibisce l’interleuchina 23 (IL-23), la proteina del sistema immunitario che causa la patologia.

Il medicinale blocca IL-23, stabilizzando la produzione delle citochine e inibendo il processo infiammatorio.

Ricordiamo inoltre che la psoriasi viene considerata anche una malattia psicosomatica, ovvero lo stress e il disagio psicologico( di natura depressiva o ansiosa) va ad incidere negativamente sulla patologia.

Fonte : DiLei.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

La Dipendenza Affettiva. Riconoscerla è il passo fondamentale per vivere liberi

Quando si ha l’orgoglio di poter andare oltre il volere dell’altro, riuscire a farsi amare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS