Pubertà precoce in figli di donne fumatrici

La donna che fuma durante il periodo della gravidanza espone il feto ad una serie di rischi. Le sostanze tossiche contenute nel fumo passano, attraverso la placenta, dal corpo della madre a quello del nascituro. Il monossido di carbonio, legandosi, all’emoglobina fetale riduce l’apporto di ossigeno; inoltre la nicotina provoca la restrizione dei vasi sanguigni e impedisce al neonato di avere la massa necessaria di sangue per una corretta crescita del feto. I problemi riscontrati sono lo sviluppo di disturbi dell’apparato gastro-intestinale, asma, insonnia e malformazioni congenite.

Recentemente gli studiosi della Sezione per l’epidemiologia dell’Università di Aarhus e dell’Unità di ricerca epidemiologica perinatale presso l’Ospedale universitario di Aarhus, Danimarca, dopo aver studiato ed analizzato un campione di 16.000 donne in gravidanza, sono arrivati al seguente risultato: i figli dei fumatori entrano in pubertà quasi 3 mesi prima rispetto a figli di non fumatori.

La Brix, che assieme al suo team di ricerca sta studiando i fattori alla base della pubertà precoce, ha sottolineato “ La pubertà precoce può essere associata ad un aumentato rischio di un certo numero di malattie in età adulta, come obesità, diabete, malattie cardiovascolari e alcuni tipi di cancro

La lotta contro al fumo va affrontata con programmi tesi ad informare i rischi legati al tabagismo. Diviene necessaria quindi una maggiore sensibilità da parte degli organi deputati alla Prevenzione.

Fonte: Fanpage.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Esistono 6 tipi di Grasso: Ecco come riconoscerli ed eliminarli

Dimagrire in modo efficace? Il primo passo è riconoscere il tipo di grasso. Si, gli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS