Quante volte alla settimana bisogna andare in bagno? Ecco la “Regola del tre”

Andare regolarmente in bagno per “liberarsi, almeno una volta al giorno, secondo gli scienziati non è sinonimo di ottimo stato di salute. La rivista Quartz, portando diversi parere scientifici, ha voluto chiarire la questione una volta per tutte.

Il numero perfetto è il 3. Ciò significa che in una settimana i momenti di “riflessione“, i “magic moment” (o come preferite chiamarli) possono, o devono, essere solamente 3.

A dare per primo la sua opinione è stato il gastroenterologo Christopher Hair. Secondo una sua stima meno del 40% delle persone in ottimo stato di salute va in bagno regolarmente ogni giorno. Andare in bagno sotto le 3 volte alla settimana, però, potrebbe essere un indicatore che qualcosa non va. Dello stesso parere è anche lo scienziato e ricercatore Damien Belobrajdic.

Un altro gastroenterologo, Dan Worthley, ha addirittura effettuato uno studio. Su un campione di 4.775 persone, sembra proprio confermata la regola delle 3 volte alla settimana.

Jakob Begun, anche lui gastroenterologo, va più nello specifico. Una persona media, ogni settimana, produce dai 500 ai 1100 grammi di feci. Egli conferma che una persona che muove l’intestino meno di una volta al giorno ma non ha alcun fastidio, tensione o altri sintomi, è normale.

L’ultimo studio del Dott. Vincent Ho (effettuato con pazienti svedesi e inglesi) ci conferma che il range nel quale tutti dovremmo attenerci va dalle tre volte alla settimana e tre volte al giorno.

Fonte Agi.it

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

Morbillo in Italia: 100 casi di contagio tra medici e infermieri

Il morbillo è una malattia esantematica virale molto diffusa e contagiosa. L’agente eziologico è un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS