Studio conferma un luogo comune: l’influenza viaggia sui mezzi pubblici

La trasmissione del virus avviene principalmente per contatto diretto. Si ammette che la diffusione per contatto indiretto attraverso oggetti contaminati con le secrezioni delle vie respiratorie. La diffusione viene favorita dal sovraffollamento. La malattia , che interessa le respiratorie superiori, è accompagnata da una sintomatologia caratterizzata da febbre, cefalea,tosse e astenia.

E’ dai pendolari della metropolitana di Londra che arriva una conferma di un luogo comune: il trasporto pubblico contribuisce alla diffusione delle infezioni il cui contagio avviene con l’aria, come la più comune influenza. E’ quanto emerge da uno studio inglese pubblicato su Environmental Health.

L’analisi ha posto sotto i riflettori il flusso dei pendolari che ogni giorno affolla la rete dei trasporti pubblici sotterranei della capitale del Regno Unito.

 Sempre secondo la studiosa, i tassi di contagi più bassi di patologie delle vie aeree “si trovano nei quartieri dove la popolazione non usa il trasporto pubblico come la principale forma di trasporto per andare al lavoro o i sobborghi serviti da più linee sotterranee, che garantiscono viaggi più veloci con meno fermate e contatti con un minor numero di persone

Oltre la vaccinazione,ci sono alcune misure efficaci per prevenire le infezioni respiratorie:

  1. lavarsi frequentemente le mani
  2. coprire la bocca e il naso quando si starnutisce e tossisce
  3. rimanere a casa nei primi giorni di malattia respiratoria febbrile per non contagiare le persone con cui si viene in contatto

Fonte: Ansa.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Puglia: scoperta la prima barriera corallina in Italia

Una nuova barriera corallina al largo delle coste di Monopoli, in Puglia. E’ l’eccezionale scoperta fatta durante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS