F1, primo match point per Hamilton: “Non possiamo rilassarci”. Vettel: “Prenderemo dei rischi”

La Formula 1 fa tappa ad Austin, Texas. Quartultimo appuntamento del mondiale. Hamilton potrà giocarsi negli Stati Uniti il primo match point per vincere il quinto titolo mondiale che lo porterebbe ad eguagliare Fangio: “Lui è come un padrino di tutti noi, è uno dei più grandi ed è pazzesca l’idea di raggiungerlo” ha detto il pilota della Mercedes, che ha parlato anche della stagione che sta volgendo al termine: “Ci sono 100 punti disponibili, ci aspettiamo che la Ferrari sia forte e non possiamo rilassarci. Niente è scontato, già domani dovrebbe piovere”.

Sulla difesa a Vettel, criticato per i troppi errori, di qualche tempo fa il pilota inglese si è così espresso: “Avrebbe fatto lo stesso. Siamo piloti, ci deve essere un rispetto reciproco, lui è uno dei più grandi e ha vinto 4 titoli”.

Sui miglioramenti delle prestazioni: “Conosciamo la macchina sempre meglio durante l’anno e impariamo a tirarne fuori il massimo delle prestazioni. Lo vorremmo fare anche all’inizio della stagione ma lo sport è così, non sempre è possibile”.

Chiusura su Mick Schumacher, campione in F3: “Sta facendo un grandissimo lavoro, è un ragazzo molto in gamba, con un team molto buono che lo sta facendo crescere bene. Ci sarà sempre un nome Schumacher in Formula 1, ma sicuramente anche lui ha talento, al di là del nome che porta”.

Vettel non si dà per vinto nonostante la distanza da Hamilton (67 punti) sembri incolmabile. “Tra me e Hamilton c’è rispetto, anche se siamo molto diversi ci apprezziamo”. Sulla stagione c’ qualche rimpianto: “Purtroppo alcune corse non sono andate bene e loro sono stati bravi ad approfittarne, hanno lavorato duro e si sono presi i punti. In alcune corse avremmo potuto e dovuto fare meglio, se proprio devo dovessi dirne una direi Hockenheim

Sugli cosa non ha funzionato nella stagione, il tedesco dice la sua: “Bisogna essere aggressivi per vincere, e certo serve anche un buon assetto. Non sono volute le manovre sciocche o i ritiri, non è con queste cose che si vince. Nel complesso credo che non sono state abbastanza le gare in cui avevamo la velocità necessaria per dominare i weekend, intendo con pole e vittoria.

Adesso serve finire bene la stagione: “Dovremo prenderci qualche rischio in più perché non abbiamo margini da gestire. E’ importante comunque fare bene in queste ultime gare, anche per impostare bene il 2019 e ottenere i risultati che meritiamo e in cui il team crede”.

Queste le parole riportate da Gazzetta.it

Fonte: gazzetta.it

About Amedeo Menci

Nato nel 1994, sono giornalista pubblicista. Appassionato di sport, amo inoltre il Cinema e le serie TV

Check Also

Motori, Formula 3: il VIDEO del terribile incidente di Sophia Floersch

Sophia Floersch, pilota tedesca non ancora 18enne di Formula 3 della scuderia Van Amersfoort Racing, è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS