Federer trionfa a Miami, sigillo numero 101 e risalita in classifica

Seconda finale consecutiva, questa volta dall’esito positivo. Non finisce di stupire Roger Federer, 37 anni sulla carta d’identità ma ancora forte e prestante come un ragazzino, aiutato dalla sua infinita classe. E dopo l’occasione fallita a Indian Wells, dove è stato sconfitto in finale da Thiem in tre set, lo svizzero non fallisce l’appuntamento con la vittoria e mette in cassaforte a Miami il titolo numero 101 (8 in meno del record storico di Connors).

Dopo aver sconfitto nei turni precedenti Albot, Krajinovic, Medvedev, Anderson e Shapovalov, Federer ha spazzato via in finale John Isner in una partita senza storia. Già nel primo set, vinto 6-1 dallo svizzero, si capiva che ci sarebbe stato poco da fare per lo statunitense, colpito anche da un problema fisico che ha trasformato la parte finale di secondo set in un calvario, terminato con la sconfitta per 6-4.

1000 punti importanti quelli conquistati a Miami da Federer, considerata l’eliminazione al primo turno dello scorso anno. Niente da difendere e punti che entrano puliti nella classifica ATP, nella quale lo svizzero ritrova il quarto posto superando Thiem e portandosi a ridosso di Zverev. Comanda in classifica con largo margine ancora Djokovic, seguito da Rafa Nadal.

About Amedeo Menci

Nato nel 1994, sono giornalista pubblicista. Appassionato di sport, amo inoltre il Cinema e le serie TV

Check Also

MotoGP: che vittoria di Dovizioso, all’ultima curva su Marquez

Grandissimo successo a Spielberg in Austria per Andrea Dovizioso. Il pilota Ducati, dopo una battaglia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS