Formula 1: super gara di Verstappen ma Ocon rovina tutto, spintoni dopo la gara tra i due. Vince Hamilton, Mercedes campione del mondo

Una gara emozionante quella disputatasi a Interlagos in occasione del GP del Brasile, che ha assegnato la vittoria del mondiale costruttori alla Mercedes.

Scatta dalla prima casella Hamilton, seguito da Vettel, Bottas e Raikkonen. Alle loro spalle Verstappen. Brutta partenza di Vettel, che si fa scavalcare da Bottas.

Le Mercedes però dimostrano di non avere il ritmo, così le Ferrari rimangono vicine a Bottas, mentre arriva come una furia Verstappen che si porterà fino alla prima posizione con una gara straordinaria. Alcuni problemi ad un sensore della macchina per Vettel, che ha meno ritmo di Raikkonen. Anche l’altra Red Bull, quella di Ricciardo, si rende protagonista di una grande rimonta dopo essere partito dall’undicesima posizione.

Dopo le girandole dei pit stop la situazione sembra ben definita, con Verstappen che detta il ritmo davanti ad Hamilton. In terza posizione Bottas tallonato da Raikkonen, con dietro Ricciardo che scavalca Vettel, costretto anche ad un ulteriore pit stop.

Il dramma, dicevamo, si consuma proprio mentre Raikkonen sta superando Bottas. Poco più avanti infatti Ocon, cercando di sdoppiarsi, sperona il leader del gran premio Verstappen, danneggiando anche (lievemente) la vettura dell’olandese. Penalità con 10 secondi di stop and go per il francese della Force India. Verstappen riesce comunque a mantenere la seconda posizione, senza però riuscire più ad impensierire seriamente Hamilton, che regala la vittoria e il titolo costruttori alla Mercedes.

Seconda posizione per Verstappen che dopo la gara ha spintonato varie volte Ocon. Il pilota Red Bull è stato punito dalla FIA con due giorni di lavori socialmente utili.

Chiude il podio Raikkonen, davanti ad un ottimo Ricciardo, che è riuscito a piazzarsi davanti a Bottas. Quinta posizione per il finlandese della Mercedes, sesto Vettel. Primo “degli altri” Leclerc, in settima posizione. Seguono Grorjean, Magnussen, Perez, Hartley, Sainz, Gasly, Ocon, Vandoorne, Sirotkin, Alonso, Stroll, Hulkenberg (out), Ericsson (out).

About Amedeo Menci

Nato nel 1994, sono giornalista pubblicista. Appassionato di sport, amo inoltre il Cinema e le serie TV

Check Also

Nadal è il Re di Parigi! Dodicesimo Roland Garros, diciottesimo slam. Federer nel mirino

Rafael Nadal si conferma campione del Roland Garros per il terzo anno consecutivo, ottenendo il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS