Formula 1: Verstappen beffa Leclerc. Ancora dubbi e polemiche nel post gara

Un fine settimana davvero frizzante per la Formula 1 prima in pista e poi negli uffici dei commissari. In Austria infatti si è corso probabilmente il gran premio più divertente dell’anno, che ha visto la Mercedes interrompere il dominio durato finora. A trionfare non è stata però una Ferrari, bensì una Red Bull, quella di Verstappen.

E pensare che al via il pilota olandese (partito con gomme medie) era rimasto piantato e aveva perso diverse posizioni. Il poleman Charles Leclerc invece era riuscito a trovare un buono scatto portandosi in testa e precedendo Bottas e Hamilton. Vettel, partito nono, ha recuperato in fretta fino alla quarta piazza seguito proprio da Verstappen. Dopo la girandola dei pit stop, avviata da Bottas e Vettel (problemi nella sosta della rossa con le gomme non pronte che hanno fatto perdere al tedesco circa 4 secondi), Leclerc si è trovato saldamente al comando, seguito proprio da Bottas. Problemi per Hamilton, costretto al cambio d’ala durante la sosta ai box e alle spalle di Vettel.

Tra i piloti il più veloce in pista a quel punto della gara era proprio Verstappen, ultimo del gruppo di testa a fermarsi e quindi quello con le gomme dure più fresche. Arrivato alle spalle di Vettel, l’olandese non ha esitato nel sorpasso, facendo scegliere alla Ferrari una sosta in più per Vettel nel tentativo (poi riuscito) di riacciuffare quantomeno Hamilton con gomme in migliori condizioni.

La rimonta di Verstappen non si è fermata qui e si è facilmente sbarazzato anche di Bottas, mettendosi all’inseguimento di Leclerc. Sfortunato con i doppiaggi, il monegasco è stato raggiunto in fretta dall’olandese che ha più volte tentato il sorpasso dovendo però scontrarsi con l’ottima difesa del pilota della rossa. L’attacco decisivo è arrivato a 3 giri dalla fine: Verstappen ha preso l’interno in curva due, Leclerc ha provato a resistere all’esterno per avere migliore trazione ma è stato “accompagnato” fuori dopo un contatto con il rivale.

L’incidente di gara è stato notato dai commissari che, dopo diverse ore e un documento falso con la notizia della penalità per Verstappen girato in rete, hanno deciso di non agire scatenando la rabbia dei tifosi della rossa, di nuovo beffata fuori dalla pista dopo l’episodio del Canada.

Successo quindi per Verstappen (suo anche il punto extra per il giro veloce) davanti a Leclerc che deve rimandare ancora l’appuntamento con la prima vittoria in carriera dopo la beffa del Bahrein. Terza posizione per Bottas. Ad un passo da lui Vettel, quinta posizione per Hamilton. Alle sue spalle uno strepitoso Norris, grande protagonista con la McLaren, seguito da un opaco Gasly, ancora in difficoltà con la sua Red Bull. Benissimo anche l’altra McLaren con Sainz ottavo dopo una grande rimonta. E’ gioia italiana con le Alfa Romeo che si piazzano in nona posizione con Raikkonen e soprattutto in decima con Giovinazzi, che conquista così il suo primo punto in Formula 1.

Seguono Perez, Ricciardo, Hulkenberg, Stroll, Albon, Grosjean, Kvyat, Russell, Magnussen e Kubica.

About Amedeo Menci

Nato nel 1994, sono giornalista pubblicista. Appassionato di sport, amo inoltre il Cinema e le serie TV

Check Also

MotoGP: che vittoria di Dovizioso, all’ultima curva su Marquez

Grandissimo successo a Spielberg in Austria per Andrea Dovizioso. Il pilota Ducati, dopo una battaglia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS