MotoGP, nei test di Valencia un assaggio di 2019. Tante le novità, bene le Yamaha e Morbidelli

Dopo l’ultima gara corsa a Valencia la MotoGP offre subito un assaggio di 2019, sempre sul circuito spagnolo.

I piloti sono infatti impegnati nei test in vista della prossima stagione, in cui saranno tante novità.

Da Lorenzo sulla Honda a Petrucci sulla Ducati ufficiale, da Morbidelli su Yamaha Petronas a Bagnaia, fresco campione del mondo di Moto2, su Ducati Pramac.

Iannone in sella all’Aprilia, Zarco sulla KTM, le due Yamaha ufficiali alla ricerca della competitività perduta nel 2019. Sono solo alcuni degli spunti che si possono cogliere in questi test di fine stagione.

E nella prima giornata sono state proprio le Yamaha ufficiali a convincere grazie ad una nuova specifica sul motore. Maverick Vinales (con il nuovo numero, il 12, e non più il 25) è stato il più veloce di tutti piazzandosi davanti alla Honda di Marquez e al compagno in Yamaha Valentino Rossi.

Ottima sesta posizione per Franco Morbidelli, ai primi giri sulla nuova moto. Buon esordio in classe regina per Bagnaia, undicesimo.

Quarto Dovizioso, quinto Bradl su Honda LCR.
Settima posizione per l’Aprilia di A.Espargaro, ottava per la Ducati ufficiale di Petrucci, seguito da Pol Espargaro e Michele Pirro.

Dietro a Bagnaia si trovano Rins, dodicesimo e Nakagami tredicesimo. Seguono Miller, Mir, Rabat, Zarco, Lorenzo (ancora non in ottime condizioni fisiche dopo l’infortunio), Iannone, Abraham, Smith, Folger (nuovo test driver Yamaha), Quartararo, Syahrin e Oliveira.

About Amedeo Menci

Nato nel 1994, sono giornalista pubblicista. Appassionato di sport, amo inoltre il Cinema e le serie TV

Check Also

Inter-PSV: I nerazzurri si giocano la qualificazione agli Ottavi di Champions

A San Siro, questa sera con inizio alle ore 21.00, l’Inter si gioca la qualificazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS