Bufera su Steam: Rape Day, il videogioco che inneggia alla violenza sessuale

È passato quasi un anno dalla scandalo di Active Shooter, il discutibile “simulatore di stragi scolastiche”, ma ora Valve è di nuovo al centro di un’aspra polemica sulle pratiche di controllo della sua piattaforma per la vendita di videogiochi digitali per PC, Steam.

In questi giorni, infatti, è stato scovato Rape Day, gioco che nei panni di un uomo permette di molestare, stuprare e uccidere donne durante lo svolgimento della storia. Un obbrobrio inammissibile che è stato rimosso solo dopo intere settimane di presenza sullo store con un’uscita fissata per aprile 2019.

Una “visual novel”, ovvero romanzo interattivo a base di immagini e testo, incentrata su oltre 500 immagini e più di 7000 parole che includono “violenza, violenza sessuale, sesso non consensuale, linguaggio osceno, necrofilia e incesto”.

Fonte: Tgcom24.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureata magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Oggi il Word Wide Web compie 30 anni

Per la festa di compleanno i fisici del Cern hanno scelto la sala delle grandi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS