I Nuovi iPhone sono Sessisti? Alcune Femministe sostengono di sì

I Nuovi iPhone sono stati da poco presentati e, tra le novità chiave ci sono le nuove dimensioni degli schermi, decisamente maggiori rispetto agli scorsi modelli, di 5.8″ per l’XS e 6.5″ per la versione Max, che secondo diverse donne, che si sono espresse su Twitter, sarebbero decisamente troppi. Secondo molte di queste, il nuovo design “maggiorato” che non offre soluzioni inferiori ai 5.8″, sarebbe adatto solo alle mani maschili e non alle mani più piccole delle donne.

A ragion del vero, quella de “lo schermo è troppo grande” è sempre stata una delle principali lamentele mosse contro i telefoni Android, che già da tempo gravitano attorno ai 6″ e, fino ad oggi è stata una delle ragioni principali per cui le donne con in tasca un iPhone sono una percentuale molto più alta rispetto agli uomini. Purtroppo per gli estimatori degli schermi più piccoli, le alte risoluzioni, le fotocamere sempre più prestanti, le app con sempre più informazioni, richiedono dei sacrifici per quanto riguarda le dimensioni minime e anche a Cupertino sono stati costretti a seguire la tendenza.

Molte delle donne che lamentano questi problemi affermano che “pure l’ultimo telefono adatto alle mani femminili” è stato reso un dispositivo “da uomini” e quindi in un certo senso sessista. Apple ha però risposto fermamente a queste accuse, con numeri e dati ben precisi, mostrando come i suoi team, sia dal punto di vista razziale che di genere siano molto variegati e comprendano persone di tutte le etnie e sia di sesso maschile che femminile.

I dati sono riferiti ai team negli Stati Uniti e parlano di personale per il 55% bianco, 15% asiatico, 11% ispanico and 7% nero, con una presenza al 70% maschile e al 30% femminile. Inoltre, da Cupertino sottolineano che nella fetta più giovane dei propri dipendenti, la percentuale femminile sia del 36% e quindi aumentata del 5% nel giro degli ultimi 4 anni.

Di seguito molte delle lamentele riportate direttamente da Twitter.

Fonte: Papermag | Foto di copertina di Dieter Bohn per The Verge

About Gabriele Zecchino

Lavoro con computer e internet da diversi anni, assistente alla regia per TeleRegione Toscana

Check Also

Google Maps: svolta social, arrivano gli hashtag nelle recensioni

Introdotta una funzionalità molto “social” sul popolare servizio di cartografia di Google, gli Hashtag. Gli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS