L’Alta Risoluzione non aspetta nessuno, in arrivo i TV Samsung 8K

In Italia, non è esplosa neanche la diffusione dei TV 4K e molti hanno “ancora” schermi in Full HD in casa, ma, almeno per i produttori, l’era del 4K è già finita e le TV top di gamma iniziano a presentare risoluzioni già 4 volte superiori, 7680 x 4320 pixel (o 8K). Il design delle TV Samsung Q900R di nuova generazione è semplice, con una cornice sottile, squadrata e caratterizzata da angoli retti e linee altrettanto precise, eccezion fatta per una piccola appendice in basso a destra sulla quale è riportato il logo del produttore coreano. Le dimensioni dello schermo sono 3, 65″, 75″ e 85″.

Le specifiche invece sono tutt’altro che semplici e minimaliste, con il più alto picco di luminosità sul mercato ad oggi, 3.000 cd/m2 – nits per il modello da 65″ e addirittura 4.000 per quelli da 75″ ed 85″ (circa il doppio dei precedenti top di gamma Samsung). Per quanto riguarda l’ampiezza dei colori è coperto il 100% dello standard DCI-P3 ed è supportato l’HDR.

Al cuore del dispositivo si trova il Quantum Processor 8K, che capta il segnale in ingresso nella TV ed elabora le immagini (scenderemo nel dettaglio in seguito), per mostrare poi il contenuto alla piena risoluzione della TV, funzione estremamente importante in un momento nel quale si sta diffondendo, tramite servizi streaming o Blu-Ray il formato 4K, ma ancora non ci sono che pochissimi esempi di contenuti in 8K nativi. Ovviamente il processore funziona con qualunque risoluzione, perfino sulla SD con la quale vengono trasmessi la maggior parte dei segnali TV e con qualsiasi tipo di input, Antenna, Streaming, HDMI, USB, Dlna, servizi di Cast da dispositivi mobili e così via.

Il processo con cui il tutto è ottimizzato si chiama 8K AI Upscaling, cioè un aggiornamento del classico sistema di “aumento” del numero dei pixel di un segnale video, sfruttando l’Intelligenza Artificiale, in questo caso con il processore che è in grado di imparare e adattare il tipo di scaling e di “approssimazione” dei pixel aggiuntivi nel tempo, grazie al processo di Machine Learning, tutto questo porta ad un aumento della risoluzione e ad una notevole riduzione del rumore video dovuto alla compressione rispetto ai metodi tradizionali di Upscaling.

Lo stesso tipo di processo che interessa le immagini viene applicato anche all’audio che si adatta automaticamente al tipo di suono riprodotto, enfatizzando ad esempio la voce se si riproduce un concerto lirico o un discorso o rendendo più coinvolgenti i cori se si sta guardando un evento sportivo.

Per quanto riguarda gli accessori, come ci hanno abituato pressoché tutte le TV di gamma alta degli ultimi anni, tutti gli ingressi e le uscite sono in un box esterno (qui denominato One Connect Box) che poi con un singolo cavo porta il segnale  alla singola porta presente nella TV. Nel caso dei TV Q900R il cavo ottico è semi-trasparente e disponibile in versione 5 o 15 metri di lunghezza e porta sia segnali audio/video sia l’alimentazione, così da massimizzare l’eleganza della tv e poter collegare dispositivi e elettricità direttamente al Box.

Il telecomando è quello che abbiamo già conosciuto con le TV Samsung in tempi recenti, il “One Remote”, in versione aggiornata, in grado di controllare la TV e tutti i dispositivi ad essa collegati che vengono riconosciuti e gestiti direttamente dal monitor e dal box di cui abbiamo parlato prima.

La massima risoluzione nativa al momento è l’8K 7680 x 4320 pixel a 30Hz, con la promessa da parte di Samsung che con aggiornamenti futuri (non sappiamo se solo software o con la sostituzione gratuita del Box) saranno supportate frequenze fino a 60Hz in 8K. In Full HD è presente il supporto al Freesync, per chi ama videogiocare col PC ma sulla TV, con fino a 120Hz in risoluzione 1080p.

Presente la “Ambient Mode”, modalità di risparmio energetico che sfrutta la tecnologia OLED per mostrare anche a schermo spento informazioni o immagini di vario tipo, supportato l’ecosistema intelligente di Samsung, SmartThings.

Per stimolare l’acquisto della TV in 8K Samsung ha preso accordi con la piattaforma di streaming Chili, offrendo in esclusiva per i possessori delle Q900R dei contenuti in tale risoluzione, soprattutto di spirito documentaristico, con riprese mozzafiato per documentari di tema artistico (su Bernini, Leonardo e svariate collezioni in tutto il mondo), o in ambito scientifico e naturalistico, con riprese, sempre in 8K di paesaggi naturali o di fenomeni fisici e chimici all’interno di trasmissioni dedicate.

I prezzi non sono certamente bassi, ma nessuno si aspettava altrimenti, eccoli di seguito:

  • la versione da 65″ costerà 4.999 euro (sigla del modello QE65Q900RATXZT)
  •  la versione da 75″ costerà 6.999 euro (sigla del modello QE75Q900RATXZT)
  • la versione  da 85″ costerà 14.999 euro (sigla del modello QE85Q900RATXZT)

 

Fonte: Samsung

About Gabriele Zecchino

Lavoro con computer e internet da diversi anni, assistente alla regia per TeleRegione Toscana

Check Also

Steam: utente risolve un bug e viene ricompensato con 20.000 dollari

Artem Moskowsky, utente della famosa piattaforma di vendita di videogiochi Steam ha trovato un bug …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS