L’app “Sc(Hi)accia dca” contrasta l’insorgenza dei disturbi alimentali

Si chiama proprio “Sc(Hi)accia dca” ed è la app gratuita voluta dal Centro per la Diagnosi e la Cura dei Disturbi del Comportamento Alimentare (Cdca) della Casa di Cura Palazzolo di Bergamo, per offrire la possibilità a chi soffre di un problema alimentare, agli amici, familiari, insegnanti ed educatori di ottenere informazioni ed un eventuale aiuto.

Sc(Hi)accia dca è la app che consente agli adolescenti, ma anche alle famiglie, di interagire direttamente con un esperto in disturbi del comportamento alimentare, trovando le risposte e l’aiuto necessario.

Il DSM-5 cioè il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali definisce i disturbi del comportamento alimentare (DCA) come “caratterizzati da un persistente disturbo dell’alimentazione o di comportamenti collegati con l’alimentazione che determinano un alterato consumo o assorbimento di cibo e che danneggiano significativamente la salute fisica o il funzionamento psicosociale”.

Inoltre il manuale identifica le seguenti categorie diagnostiche: Pica, Disturbo di ruminazione, Disturbo da evitamento/restrizione dell’assunzione di cibo, Anoressia Nervosa, Bulimia nervosa, Disturbo da alimentazione incontrollata, Disturbo della nutrizione o dell’alimentazione con specificazione e infine Disturbo della nutrizione o dell’alimentazione senza specificazione.

Fonte: Tgcom24.it / Paginemediche.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Come proteggere la nostra pelle del viso dall’inquinamento? Alcuni consigli pratici

La pelle del viso e i capelli sono le parti del nostro corpo che maggiormente risentono dell’inquinamento e dello smog, che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS